Il primo giorno di scuola … In Cina!!!

Lunedì mattina, per la prima volta da quando sono arrivato in Cina, ormai tre settimane fa, la sveglia suona per davvero. Oggi inizia la mia avventura di insegnate nella terra del riso alla cantonese. Mi sveglio nella mia camera d’albergo. Sono molto emozionato ma per nulla teso. Inizio addirittura a preoccuparmi di non essere sufficientemente preoccupato. Mi faccio un caffè solubile accompagnato da una brioches cinese (chissà perché devono mettere la carne secca anche nelle brioches) ed esco con discreto anticipo.

Ho appuntamento alle 7.45 con la responsabile del corpo docenti alla mensa della scuola. In realtà ci incontriamo all’ingresso, perché nessuno dei quattro poliziotti che presidiano l’entrata ha intenzione di farmi passare, e così è costretta a venire a prendermi al cancello. Andiamo comunque alla mensa, dove più per cortesia che per fame mi riempio il vassoio di riso, e spaghetti fritti accompagnati da qualche verdura e del pollo, sempre fritti naturalmente. Farei di tutto pur di evitarmi quel pasto, che temo avrà ripercussioni negative sull’intera giornata, ma non voglio assolutamente sfigurare davanti alla responsabile ed ai miei nuovi colleghi anche loro seduti in mensa ad armeggiare con bacchette e scodelline. Nessuno di loro sa che in Italia a colazione, generalmente mangiamo un terzo di quelle porzioni e mai e poi mai mangeremmo pollo fritto. Mi guardano tutti convinti che per me quella sia la normalità.

Finito il pasto ed asciugatomi le labbra con cinquanta tovaglioli pur di rimuovere qualsiasi traccia di unto, ci rechiamo nell’ufficio centrale, dove mi viene provvisoriamente assegnata una scrivania in attesa della mia prima lezione… alle 10.20. E’ l’ufficio dei “pezzi grossi”, direttrice, responsabile studenti, sicurezza, coordinatore insegnanti, quindi durante l’anno non siederò mai più lì. Sono tutti incuriosi dalla mia presenza e tutti gentilissimi. Mi viene offerta dell’acqua, poi del the, poi dei biscotti. Si presentano tutti ad uno ad uno…Lao Pi, Mr. Liang, Tzu qualcosa, Suuuù. Ad ogni presentazione ripeto il nome di ognuno per imprimerlo nella testa ma ad ogni ripetizione vengo corretto sulla pronuncia e l’intonazione con il risultato che, dopo trenta secondi, oltre che a pronunciare male il nome, non me lo ricordo neanche più.

Nel frattempo programmo le lezioni del giorno e mi viene consegnato il mio calendario settimanale. Undici lezioni a settimana. Sette lezioni di quaranta minuti durante le ore scolastiche e quattro ore di allenamento divise in quattro pomeriggi con la squadra di basket della scuola. Non ho mai lavorato così poco in vita mia!!! Quasi mi vergogno ma capisco ben presto che questa è la realtà cinese. Le ore passano lentamente e con l’avvicinarsi della prima lezione cresce anche un po’ di nervosismo ma soprattutto la colazione inizia a farsi sentire. Ho, ben prima del previsto, la prima vera occasione per visitare i bagni della scuola.

Alle dieci vieni a prendermi in ufficio Mr Liang, che, per convenienza decide di farsi chiamare Henry…peccato Liang era l’unico nome che riuscivo a ricordarmi. Sarà lui ad aiutarmi nei primi mesi di scuola, soprattutto a farmi capire come trovare la classe desiderata tra le trentasei della scuola e mi aiuterà con qualche traduzione. Henry è un ragazzo di ventotto anni, anche lui insegnante di educazione fisica ma specializzato in calcio. Il suo inglese è tremendo ma comunque meglio del mio cinese. Ci intendiamo con sorrisi e diversi “Yeah” ma in realtà nessuno dei due sa cosa aspettarsi dalla collaborazione. Scendiamo a preparare il materiale e poi, alle dieci e diciotto saliamo al quarto piano a prendere la classe cinque della quinta elementare.

Arriviamo davanti alla porta della classe, si sente il classico chiasso dovuto al cambio dell’ora: banchi che si spostano, bambini che ridono, libri che volano; poi appena entro in classe ed i bambini iniziano ad accorgersi che Mr Liang non è solo….scende un silenzio surreale per alcuni secondi, seguito poi da un frastuono di risate ed eccitamento generale che mi fa sentire immediatamente bene accolto. Mr. Liang caccia un urlo e tutti i bambini come per magia si siedono al loro posto con le mani posate sul banco ripetendo una specie di filastrocca. Sono 51 … cinquantuno teste nere lucenti!!! centodue occhietti a mandorla che non si staccano da me neanche per un istante. Io sto zitto e gli sorrido. Qualcuno sembra spaventato, qualcuno incredibilmente euforico. Tutti però impostati nei loro grembiulini bianchi con sciarpetta rossa ed una piccola coccarda blu. Mr Liang mi presenta. Capisco solo Mr Claudio e Idaaaliii (che vorrebbe dire Italia). Finita la presentazione, più per regola che altro, tutti i bambini iniziano a applaudirmi… Al mio: “Good Morning kids”… si scatena un putiferio generale di approvazione, immediatamente represso da un urlo di Mr Liang che ricompone tutti i bambini.

Scendiamo a fare attività sul campo di basket. I bambini arrivati in campo si dispongono su quattro file perfettamente ordinate, equidistanti tra loro sia tra singoli individui che tra le fine. Mr Liang dà diversi ordini e loro rispondono con movimenti in stile militaresco: girano il capo a destra, poi a sinistra, poi salutano ancora me e Mr. Liang con un saluto simil militare. Mi fanno letteralmente ridere ma devo rispettare quello che sarà l’inizio di ogni mia lezione da qui fino a luglio.

Finita la scenetta sono già passati diversi minuti e la lezione è già quasi a metà. Mr Liang mi fa capire che è il mio turno, così mi metto in mezzo al campo e chiamo i bambini, credendo che si siedano tutti davanti a me pronti ad ascoltare… invece si posizionano tutti davanti a me ma sempre in file perfette. Ci vogliono diversi minuti per fargli capire che quando giochiamo o facciamo attività non è necessario che stiano in fila. Nel frattempo si è radunato un crocchio di insegnanti a vedere la mia lezione, capeggiato dalla preside e dal coordinatore degli insegnanti.

Spiego il primo gioco utilizzando tutte le tecniche comunicative possibili. Parlo in inglese, poi lo mimo, poi lo faccio mimare a due-tre bambini e quando sembra che tutti abbiamo capito, faccio partire il gioco… Dopo pochi secondi e’già evidente che nessuno ha capito nulla, ma stanno comunque tutti correndo e ridendo, quindi va bene così, più tardi aggiusterò il tiro. Mr Liang inizia a tradurre più precisamente e la lezione procede davvero bene.

Finita la lezione i bambini sono entusiasti, per la prima volta nella loro vita hanno “giocato” durante l’ora di ginnastica e non fatto i classici duecento addominali che i miei colleghi solitamente gli fanno fare. Le bambine corrono dalla preside a dirle che sono “Handsome”, mentre la mia responsabile viene a congratularsi come me elogiando la mia “active Lesson”. Bè mi pare normale che una lezione di ginnastica sia “Active”. Mr Liang invece my fa leggere sul suo telefono un messaggio dal traduttore istantaneo che recita: ”Hard Worker”. Mi fa piacere che pensi questo di me ma in fondo ho solo fatto una normale lezione di educazione fisica per venticinque minuti. Capisco immediatamente che gli standard cinese sono parecchio bassi.

La seconda lezione procede come la prima ed alle 11.45 vado con Mr. Liang in mensa per il pranzo. La mia prima giornata di lavoro in Cina è terminata. Dopo pranzo posso tornare a casa, o meglio in albergo. In mensa sono tutti incuriositi dalla mia presenza e qualche maestro di inglese viene anche a parlarmi.

Terminato il pranzo, ennesimo colpo di scena. Alcuni miei colleghi mi invitano alla partita di calcio tra professori che si giocherà alla sera nel campo della scuola. Accetto con piacere ma gli confesso di non essere un granchè a calcio e mi giustifico dicendo che non ho le scarpe adatte. Non passano neanche cinque minuti che un mio collega si presenta con la carta di credito della scuola e mi dice: ”You, Me, Go Shopping”. Torno in albergo due ore dopo con due maglie Nike, un paio di pantaloncini, calze e calzettoni sempre Nike ma soprattutto due paia di Adidas, uno da calcio e l’altro da calcetto.

Come inizio poteva andare peggio…

P.s: la partita la vince la mia squadra 5-2… tripletta dell’insegnante di musica e due assist del sottoscritto, sebbene in Italia giocassi sempre in porta da quanto sono scarso.

 

29 pensieri riguardo “Il primo giorno di scuola … In Cina!!!

  1. Io vorrei davvero poter essere un’osservatrice invisibile e silenziosa per poter spiare questi momenti che per te diventeranno la quotidianità ma per noi da qui rappresentano qualcosa di astratto è lontanissimo.
    Ovviamente anche per vedere la tua faccia mentre addenti brioche farcita con ragù di carne 😂

    "Mi piace"

  2. Grande Claudio!!!fighissimo leggere i tuoi racconti sulle lezioni di educazione fisica cinese…
    Ah tra l’altro ieri ho avuto in palestra due ragazze adolescenti cinesi che erano in swiss per uno scambio culturale tra il liceo di lugano e un liceo cinese(non mi ricordo esattamente da quale città provenissero esattamente)… ti ho pensato😀
    Ovviamente ho dovuto fare lezione in inglese anche se una delle ragazze non conosceva la lingua inglese…e allora sono dovuta “andare di MIMO”ahahahah…non so come tu faccia laggiù!!!
    grandioso…ti stimo tanto

    "Mi piace"

  3. Grandioso!!!complimenti e grazie per informarci delle tue avventure…provo grande invidia!!in bocca al lupo davvero e continua a farci sapere!!!!A presto

    "Mi piace"

  4. Mi sono iscritto, mi serviva proprio un altro blog in terra straniera da seguire.
    Mi piace il tuo stile di scrittura e adoro il fatto che posti alcune foto alla fine, continua cosi 🙂
    E mi raccomando, ricordati di postare ogni nuovo post su r/italy, a quanto pare questo ha incuriosito molti

    "Mi piace"

    1. Grazie…cerco di scrivere semplicemente quello che succede senza dilungarmi troppo…Il blog serve un pò a raccontare le mie “avventure” ai miei amici e parenti…e un pò a condividerle con altri laureati in scienze motorie, che magari sono interessati ad una esperienza simile…

      "Mi piace"

  5. Che interessante questo blob. Bravo Claudio! Ci fai vivere una realtá lontanissima e sconosciuta.
    e poi siamo agli antipodi. Io sono insegnante di italiano in Brasile!!! In bocca al lupo per questa nuova esperienza!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...